CHIACCHIERE DI CARNEVALE 2014

28 02 2014

chiacchere di carnevale 2014

Per non confonderle con quelle del 2013……….

Ingredienti

250g di farina 00, 1 uovo, 100g di succo d’arancia, 15g di burro, 30g di zucchero, 1 cucchiaio di cognac, sale, zucchero a velo, olio di semi di arachidi.

 

Preparazione

Mettete la farina setacciata in una ciotola, aggiungete il burro a tocchetti, lo zucchero, un pizzico di sale, il cognac, l’uovo e il succo d’arancia mescolando tutti gli ingredienti con una forchetta. Trasferite l’impasto su una spianatoia e lavoratelo energicamente per 5 minuti fino a formare una palla liscia e morbida. Avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigo per 30 minuti almeno. Stendete l’impasto con un mattarello fino a formare una sfoglia molto sottile. Con una rotella ritagliate dei rettangoli praticando 2/3 tagli centrali. Scaldate abbondante olio in una padella e friggete velocemente le chiacchiere 1 o 2 alla volta, scolatele, sgocciolatele bene e passatele su carta assorbente. Ponetele su un piatto da portata e spolveratele con una nevicata di zucchero a velo.

 

Trucchi e suggerimenti

Se si riesce a stendere la sfoglia sottilissima, verranno leggerissime e molto fragranti, è proprio questo il segreto. Queste dosi bastano per una trentina di pezzi e, chiamiamole chiacchiere o cenci o sfrappole, chiamiamole come vogliamo ma non facciamocele mancare a carnevale!!!

 

 

 

 

 





PLUM-CAKE SALATO ALLE ZUCCHINE

22 02 2014

cake salato alle zucchine

Ingredienti

3 zucchine (600g), 3 uova, 130g farina 00, 50g nocciole o mandorle, 10g lievito per torte salate, 130g latte, 60g olio extravergine, 40g parmigiano grattugiato, sale, pepe, noce moscata.

 

Preparazione

Lavate le zucchine e riducetele a julienne. Fatele saltare per 6/7 minuti in una padella con 2 cucchiai di olio; salate pepate e fatele raffreddare. In una ciotola capiente sbattete con la frusta elettrica le uova unendo un pizzico di noce moscata. Aggiungete il latte intiepidito e l’olio rimasto. Tritate finemente al mixer le nocciole tenetendone da parte qualcuna che servirà per la decorazione e unitele alla farina e al lievito, quindi amalgamate il tutto al composto di uova. Insaporite col parmigiano grattugiato, inserite anche le zucchine e mescolate con cura. Rivestite uno stampo da plum-cake con un foglio di carta da forno bagnato  e strizzato, riempitelo col composto di zucchine e decorate  la superficie con le nocciole avanzate tritate grossolanamente. Fate cuocere in forno già caldo a 180° per 40/45 minuti. Servite il cake caldo, tiepido o freddo.

 

Trucchi e suggerimenti

Questa è una torta salata; non ho usato però pasta sfoglia o briseè eliminando così l’apporto di burro in esse contenuto (tutto questo solo per sentirmi meno colpevole nei confronti dei grassi aggiunti….). E’ un ottimo secondo vegetariano, addirittura un piatto unico per la completezza dei suoi ingredienti e, cosa non secondaria, si può preparare in anticipo e scaldare a fette all’ultimo momento. Io ho usato le nocciole che avevo in dispensa, ma potete variare la frutta secca a piacere, purché si possa macinare finemente.

  

 

 





VELLUTATA DI ZUCCA E MELE

14 02 2014

vellutata di zucca e mele

Un abbinamento insolito e azzeccatissimo per un gusto fresco e delicato.

 Ingredienti per 4/5 persone

300g zucca già pulita, 300g mele già sbucciate (2 mele grandi), 1 cipolla media, 2 carote, 1 gambo di sedano, 200ml di latte, 1 cucchiaino di amido di mais (o fecola di patate), 4/5 fette di pane casereccio, olio extravergine, aceto balsamico, sale e pepe.

 

Preparazione

Preparate un trito con la cipolla, le carote, il sedano e fateli stufare dolcemente in una pentola con poco olio per una quindicina di minuti. Nel frattempo tagliate a pezzetti la zucca e le mele, aggiungeteli alle verdure, salate e pepate leggermente facendo insaporire per qualche minuto. Aggiungete il latte e acqua quanta ne serve per coprire a filo le verdure, mettete il coperchio e continuate la cottura fino a quando la zucca e le mele saranno morbide (ci vorranno 20/25 minuti). Aggiustate di sapore e frullate fino a ottenere una vellutata liscia e senza grumi. Aggiungete l’amido di mais a fuoco moderato  continuando a mescolare. Tagliate a cubetti le fette di pane e tostateli sotto il grill del forno per 4/5 minuti. Impiattate la vellutata con un filo di olio, aggiungete i crostini di pane e decorate a piacere con qualche goccia di aceto balsamico.

 

Trucchi e suggerimenti

Per una corretta consistenza della vellutata, potrebbe servire 1 cucchiaino in più di amido di mais, perché nella preparazione le patate sono sostituite dalle mele e proprio la dolcezza di queste rende il sapore di questo piatto diverso e assolutamente godibile.





PAPPARDELLE AL RAGU’ DI MAIALE UBRIACO

8 02 2014

pappardelle al sugo di maiale ubriaco

Perché non c’è niente di meglio di un ottimo piatto di pasta per accontentare tutti.

Ingredienti per 2 persone

Per le pappardelle: 100g farina di grano duro, 1 uovo, acqua qb.

Per il ragù: 250g di lonza o coppa di maiale, 1 gambo di sedano, 1 carota, ½ cipolla, ½ bicchiere di vino rosso, 2 foglie di alloro, 1 cucchiaino di farina, parmigiano grattugiato.

 

Preparazione

Lavorate velocemente la farina con l’uovo, aggiungendo poca acqua se serve, fate un panetto e lasciatelo riposare in frigo per almeno mezz’ora. Stendete la pasta col mattarello e ritagliate le pappardelle. Riducete a dadolata cipolla carota e sedano e tagliate a coltello la carne ottenendo dei cubettini (non va macinata).  Scaldate poco olio in padella e soffriggete le verdure con 1 foglia di alloro, aggiungete la carne, spolverate con poca farina che servirà a legare il sugo, sfumate col vino, lasciate evaporare, aggiustate di sale e pepe e portate a cottura a padella coperta ( serviranno 20/25 minuti). Lessate le pappardelle in acqua bollente salata con l’aggiunta della seconda foglia di alloro (se sono quelle fatte in casa, saranno pronte non appena l’acqua riprenderà il bollore), scolatele e fatele saltare nella padella del ragù per qualche minuto, aggiungendo se serve un po’ d’acqua di cottura della pasta. Impiattate e spolverate con abbondante parmigiano.

 

Trucchi e suggerimenti

Le ho chiamate pappardelle al ragù ubriaco per la dose di vino rosso usato, che può essere aumentata o diminuita a discrezione e che, a mio parere, sostituisce in modo egregio il pomodoro che non c’è in questa preparazione. Per un gusto ancora più saporito (come se ce ne fosse bisogno…..) si può aromatizzare il parmigiano grattugiato con foglioline di sedano o prezzemolo tritate finemente.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: